Share on facebook
Share on twitter

Cos’è e a cosa serve una VPN ?

Cos’è una VPN ?

L’acronimo deriva da Virtual Private Network ed in poche parole trattasi di una sotto rete ad uso privato per connettersi ad internet.

 

Come funziona una VPN ?

Un client (un PC o uno smartphone generalmente) si collega tramite autenticazione riservata, ad un server specifico il quale si occuperà di farci navigare tramite di esso.
La connessione tra il client ed il server avviene tramite software (in alcuni casi anche hardware), configurazioni e parametri particolari, garantendo sicurezza e crittografia del traffico.
In poche parole è la differenza tra lo spostarsi con i mezzi pubblici e un’automobile con vetri oscurati e targa falsa.

 

A cosa serve una VPN ?

Le modalità principali sono:

  • Proxy: la funzione molto pubblicizzata negli ultimi tempi tramite la quale è possibile navigare mascherando il proprio IP ed il traffico.
  • Accesso remoto: una connessione punto punto tra un client ed un server che permetterà la condivisione delle risorse (cartelle di rete, software, e stampanti) attraverso internet, come se entrambi i computer fossero nella stessa rete.
  • Site to site: una connessione tra due o più sedi tramite la quale si potranno interconnettere più computer tra loro, nonostante questi possano essere collocati in diversi angoli del globo.

 

Quali sono i vantaggi pratici di una VPN ?

Se la usiamo solo per navigare (modalità Proxy) ci permetterà di raggirare le censure e raggiungere siti non accessibili dal nostro paese (qui un articolo per una funzione simile).
Sarà possibile per esempio, visualizzare i contenuti statunitensi di Netflix ottenendo un IP americano, così come per Youtube e molti altri ancora.
Nell’utilizzo di software per il download e la condivisione di torrent o simili, eviteremo di esporci e rischiare il blocco del traffico da parte del nostro provider internet.
Infine, potremmo collegarci in sicurezza grazie alla crittografia e saremo al sicuro dalla maggior parte delle minacce informatiche.

Se invece la useremo per connetterci ad uno o più server, avremmo in “casa” le risorse del nostro ufficio e/o viceversa.
Nello Smart Working è la soluzione più utilizzata e quella maggiormente consigliata poiché rende tutto più semplice e sicuro (qui una guida per metodi alternativi).
Per fare degli esempi si potrebbe accedere ad una cartella “archivio” situata a Milano, da una postazione a Roma, o sarebbe possibile accedere al software gestionale dell’amministrazione, senza dover essere in sede.

 

Quali sono i migliori servizi VPN ?

Nominare un servizio migliore di altri in questo caso è molto difficile perché i costi cambiano così come la tipologia e la qualità delle funzioni offerte.
Tra i più noti mi sento di consigliare ExpressVPN, CyberGhost e SurfShark per la navigazione Proxy, mentre per il site to site, l’unica azienda che offre tale servizio (ma senza la possibilità di conoscerne i costi in chiaro) è NordVPN.

 

Come creare una VPN ?

Esistono molti modi per creare un server di autenticazione dedicato, ma così come consiglio di affidarsi ai servizi citati poco fa per la navigazione, sconsiglio di provare a gestire in autonomia un servizio così delicato.
Basta una configurazione errata, e si otterrà l’effetto contrario alla sicurezza spalancando le porte della nostra rete a chiunque su internet.

 

Per una connessione VPN ad accesso remoto o site to site, potrete consultare la nostra assistenza informatica.

 

Buona rete privata virtuale 🙂

CONSULENZA SMART WORKING

Offriamo un servizio di helpdesk in grado di supportare le aziende e il singolo professionista.