Share on facebook
Share on twitter

FaceApp più scaricata di Immuni: paura della privacy o qualcos’altro?

FaceApp è più sicura di Immuni ?

No non lo è, e nonostante questo, in Italia si installa molto più la prima della seconda.

 

Chi ha creato FaceApp ?

FaceApp è stata realizata da Wireless Lab, società con sede a San Pietroburgo fondata e diretta da Yaroslav Goncharov, ex dirigente di Yandex, il principale motore di ricerca in Russia.

 

Cosa è possibile fare con FaceApp ?

Partendo da una qualsiasi foto di un volto, è possibile richiedere di far manipolare l’immagine con vari effetti di cui l’ultimo implementato è quello per il “cambio sesso”.

 

FaceApp tutela la nostra privacy ?

Stando alla pagina ufficiale della privacy policy (aggiornata giusto il 4 giugno), hanno introdotto il limite di 24-48 ore di conservazione della foto sui loro server, ma altre voci come l’utilizzo dei nostri dati di navigazione per scopi commerciali, non hanno impensierito gli “inquisitori” di Immuni.

 

FaceApp rispetta il GDPR ?

Gli sviluppatori hanno imparato dagli errori dello scorso anno.
Ora compare un’informativa riservata agli utenti europei che notifica la possibilità di richiedere la cancellazione dei dati inviati, anche prima delle 48 ore.

 

Immuni è l’App di cui abbiamo già discusso ed espresso in merito ottime considerazioni (vedi qui), e nonostante la sua funzione sia quella di prevenire i contagi da Covid-19, viene considerata da molti invasiva per la privacy e quindi sconsigliata.
Non si può dire lo stesso a proposito di FaceApp, che quando l’anno scorso fece il boom con la funzione “invecchiamento”, nessuno si preoccupò di quali fossero i dati utilizzati e come.
O almeno non all’inizio: difatti si scoprì poi che le foto rimanevano sui loro server e l’azienda poteva farci quello che voleva…
Alla luce di ciò, tutti a lamentarsi con proposte di denunce seguite dalla rimozione dell’App dal proprio dispositivo.

Per quanto riguarda Immuni in Italia abbiamo fatto il contrario, ci siamo prima lamentati della privacy e poi abbiamo cominciato ad installare l’App, eppure, al ritorno di FaceApp, nessuno ha riflettuto sugli accaduti del 2019 ed ha immediatamente provato la nuova funzione proposta in questi giorni.

 

Informarsi è la prima forma di prevenzione, per dubbi e/o domande potete affidarvi alla nostra assistenza smart.

 

Buon utilizzo consapevole delle App 🙂

CONSULENZA SMART WORKING

Offriamo un servizio di helpdesk in grado di supportare le aziende e il singolo professionista.