Share on facebook
Share on twitter

Come velocizzare la connessione internet ?

Lo sapevi che tramite Wi-Fi sfrutti poco più del 25% della tua linea ?

Una connettività in fibra FTTH (senza rame), permette velocità minime di 1000 Mbps in download e 200 Mbps in upload ma un Wi-Fi standard non permette di scaricare a più di 50 Mbps, mentre i più potenti arrivano a 250-300 Mbps.

Tramite il Wi-Fi dotato di tecnologia “mesh” sarà possibile navigare oltre i 300 Mbit anche in ambienti con più di 10 dispositivi connessi contemporaneamente

Ma procediamo per gradi e vediamo come funziona la connessione internet mostrandone la catena gerarchica:

 

1) Qualità della connessione del vostro fornitore di linea (ISP)
Un utente deve contattare l’assistenza e chiedere di verificare la stabilità e le prestazioni del collegamento di rete, queste non devono differire di troppo dalla velocità garantita nell’offerta ; talvolta l’intervento può richiedere pochi minuti o diverse ore se non addirittura giorni (per esempio nel caso in cui vada sostituita la presa e/o i cavi nella centralina di appartenenza)

2) Impostazioni del modem/router e relativo cablaggio
Il router è il primo dispositivo di casa ed è collegato direttamente alla presa telefonica o alla fibra (tranne il caso in cui si utilizzi la tecnologia di Wi-Fi a lungo raggio) ; il cablaggio così come le impostazioni devono essere corrette per non generare rallentamenti

3) Access point e/o router Wi-Fi
Il router si occupa di diffondere il segnale senza fili (a meno che non si utilizzi un altro dispositivo dedicato) e dovrà essere configurato tenendo conto dei canali radio degli altri Wi-Fi nel raggio di copertura, dell’ampiezza e della tipologia di banda (2,4 o 5 Ghz

4) Dispositivi Wi-Fi
Per connettersi alla rete senza fili è necessaria un’antenna ed ogni PC, smartphone o tablet, monta la propria ; la qualità ne determina potenza e compatibilità, ma anche le impostazioni software potrebbero impattare negativamente sulla connessione

5) Rete via cavo
Nonostante la rete via cavo sia la migliore soluzione possibile, può capitare che uno o più switch così come la categoria del cavo, possano limitare la banda passante

5) Dispositivi via cavo
Anche nel caso di una connessione filare, dovremo far attenzione alla tipologia di collegamento ; un PC con scheda di rete a 100 Mbps non potrà sfruttare i 1000 Mbps di una fibra per esempio

 

Come migliorare la copertura e la stabilità del Wi-Fi ?

In un appartamento di grandi dimensioni è preferibile affidarsi alla tecnologia “mesh” (tradotto “maglia”) che funziona in modo molto simile ai ripetitori per i telefoni cellulari.
Installando in punti strategici i satelliti otterremo un segnale stabile e prestante in ogni area della casa.

La rete avrà un unico nome e password e muoverci da un satellite all’altro non farà cadere o degradare il segnale, proprio come quando siamo al telefono e ci spostiamo senza che questo comporti l’interruzione della chiamata in corso (a patto che non esca dalla zona di copertura di qualsiasi ripetitore).

 

La qualità della connessione quanto conta nello Smart Working ?

La velocità e la stabilità della rete è di primaria importanza quando si lavora da remoto.
Sia se si sta operando collegati ad un computer distante, sia se si accede a cartelle di rete online, le prestazioni della linea internet influiranno direttamente sull’operatività ed eviteranno un’eccessiva latenza nei comandi.

Perciò, se si vuol trasformare la propria scrivania di casa in un ufficio altamente produttivo, sarà necessario seguire i passaggi che abbiamo visto insieme affidandovi al nostro servizio di assistenza informatica.

 

Buona ottimizzazione della connessione 🙂

CONSULENZA SMART WORKING

Offriamo un servizio di helpdesk in grado di supportare le aziende e il singolo professionista.